MUSEC

Musei

Il MUSEC - Museo delle Culture di Lugano - conserva e valorizza collezioni d’arte provenienti principalmente dall' Estremo Oriente, dall’India, dal Sud-Est asiatico e dall’Oceania. La rinnovata sede di Villa Malpensata, situata sul lungolago di Lugano, prevede un allestimento in continuo divenire seguendo i più moderni canoni della museologia. Il museo, importante centro di ricerca sull’antropologia dell’arte, offre contemporaneamente al pubblico più esposizioni in grado di comunicare, ciascuna secondo le proprie peculiarità tematiche, la ricchezza e l’articolazione complessiva del suo progetto culturale.

PROMO

La visita


Lo "Spazio Tesoro", situato all'entrata del museo e con accesso gratuito, accompagna il visitatore, in un percorso periodicamente rinnovato con opere della Collezione Brignoni e delle altre principali collezioni del museo. Un itinerario ricco di significati permette fra l’altro al visitatore di interagire in modo dinamico con i temi e le opere presentate negli altri spazi espositivi, a volte anticipandoli, a volte fornendo preziose chiavi di interpretazione, utili a cogliere l’unitarietà del progetto museografico.

Lo "Spazio Maraini" presenta le esposizioni del ciclo “Esovisioni”, dedicato alla fotografia di viaggio e al tema dell’esotismo nell’opera di grandi fotografi.

Lo "Spazio Cielo" è interamente consacrato alle esposizioni del progetto “Cameredarte” che comprende sia le nuove acquisizioni, sia le opere dei collezionisti che collaborano con il Musec, sia quelle degli artisti contemporanei che nel corso degli anni si sono avvicinati alle attività del museo.

All'interno dello "Spazio Mostre", che occupa due piani del museo, sono esposti a rotazione i cicli "Altrarti" e “OrientArt”; dedicati rispettivamente ai vari generi delle arti etniche e alle diverse forme di derivazione e d’integrazione fra l’arte contemporanea e le tradizioni culturali locali da cui gli artisti dell’Asia, dell’Africa e dell’Oceania attingono i loro linguaggi.

Lo stesso "Spazio Mostre" accoglie pure le opere del ciclo espositivo “Ethnopassion”, dedicato all’analisi del ruolo che le arti tribali, orientali e popolari ebbero nello sviluppo dei linguaggi delle avanguardie europee.

PROMO

Ristoranti nelle vicinanze


Per completare la giornata