Centro storico di Lugano

Città & Monumenti

Piazza della Riforma contende alla Piazza Grande di Locarno il ruolo di piazza più bella del Ticino. È l’elegante salotto della città, contornato da antichi edifici, tra cui il neoclassico Palazzo Civico, e di ritrovi che invitano a una sosta. Luogo di incontro dei luganesi, ospita grandi eventi come Estival Jazz, ed è il punto di partenza ideale per una visita della città. Una rete di viuzze pedonali, dove si passeggia fra vetrine scintillanti e lussuose boutiques, la collega infatti ai principali punti di interesse del centro (Cattedrale, Santa Maria degli Angioli, LAC, lungolago e Parco Ciani).

PROMO

Itinerario: Centro storico di Lugano (2h, vedi cartina)


In Piazza della Riforma vale la pena di entrare nel cortile del Palazzo Civico per ammirare una scultura che sprigiona forza e potenza: lo Spartaco dell’artista ticinese Vincenzo Vela (1820-1891), considerato uno dei maggiori scultori dell’Ottocento italiano.

Imboccando Via Nassa, paradiso dello shopping, sulla destra si incontra la chiesa di San Carlo Borromeo, costruita fra il 1640 e il 1642. Si prosegue quindi fino alla chiesa di Santa Maria degli Angioli, che custodisce un capolavoro del primo Rinascimento, considerato il più noto affresco di quel periodo in Svizzera. È una raffigurazione della Passione e della Crocifissione, opera dell’artista italiano Bernardino Luini (1480 circa - 1532), discepolo di Leonardo da Vinci. Accanto alla chiesa sorge il nuovo e importante centro culturale LAC (Lugano Arte e Cultura.

L'itinerario prosegue sul lungolago sotto le fronde di un doppio filare di alberi, che definisce il limite tra il lago e l’agglomerato urbano. Uno dei punti più suggestivi è costituito dal giardino Belvedere, una terrazza fiorita sulla destra rispetto a Santa Maria degli Angioli e al LAC, che offre lo spunto per una breve sosta tra natura e cultura. Il giardino è arricchito da aiuole multicolori, cespugli, alberi secolari e da un’interessante collezione d’arte.

Si prosegue lungo la riva del lago tornando in Piazza della Riforma, dove si imbocca di nuovo Via Nassa, si attraversa piazzetta Maraini per ritrovarsi in uno dei più suggestivi e caratteristici angoli della città, Via Pessina, dove antichi edifici ospitano commerci con prodotti locali. Giungendo in Piazza Cioccaro si scopre la bellezza di palazzo Riva-Ghioldi, uno degli edifici più antichi di Lugano, ancora in ottimo stato grazie a sapienti restauri.

Si sale lungo Via Cattedrale, fino alla terrazza di fronte alla cattedrale di San Lorenzo con vista sulla città. Anche questo monumento vanta una grande ricchezza culturale: oltre alla facciata rinascimentale (datata 1517), custodisce preziosi affreschi dei secoli XIV e XVI. Dalla Cattedrale si ritorna in Piazza Cioccaro, si continua lungo Via Soave per giungere in Piazza Dante, su cui si affaccia la chiesa di S. Antonio, con opere di Petrini e affreschi dei fratelli Torricelli. L’itinerario prosegue in Contrada dei Verla e Via Giosuè Carducci, che porta davanti alla chiesa San Rocco, con pregevoli affreschi di G. Discepoli.

Alle spalle della graziosa chiesetta si trova il Quartiere Maghetti, un animato centro commerciale, mentre sulla sua destra, in Via Canova, sorge il Museo Cantonale d’Arte. Il percorso continua però in direzione opposta, verso Villa Ciani che si scorge in lontananza. Per raggiungerla si passa da Piazza Indipendenza, con l’obelisco settecentesco eretto in ricordo dello scontro tra i Volontari luganesi e i Cisalpini (1798).

Dalla villa, attraverso il bellissimo Parco Ciani, si raggiunge il lago. Il Parco e la Villa Ciani affondano le loro origini nel XIX secolo, quando i fratelli Ciani, nobili milanesi, acquistarono la proprietà (1845). Negli anni si sono susseguiti interventi di abbellimento e di risanamento delle strutture e della vegetazione, composta da querce, tigli, platani, palme, ulivi, cornioli, oltre che da camelie e azalee che offrono magnifiche fioriture primaverili. Nella stagione vegetativa anche le numerose aiuole si riempiono di colorate e profumate corolle. Sul parco si affacciano, oltre a Villa Ciani, la Biblioteca cantonale, edificio degli anni ’40 progettato dagli architetti Rino e Carlo Tami (recentemente restaurato), e il Museo cantonale di storia naturale. Il confine del parco è segnato dalla foce del fiume Cassarate.

Escursioni con guida


Da marzo a ottobre vengono proposte originali visite guidate della città. Per informazioni e prenotazioni rivolgersi all'ufficio turistico di Lugano (tel. 091 605 12 26 - info@luganoturismo.ch)

PROMO

Ristoranti nelle vicinanze


Per completare la giornata