Swissminiatur

Experience

Alla Swissminiatur di Melide, vicino a Lugano, si può visitare la Svizzera… in un’ora. Nel breve tempo di una passeggiata in un parco fiorito che ospita oltre 1500 piante, si ammirano i monumenti e i luoghi più rappresentativi della Confederazione Elvetica: castelli, dimore storiche, chiese, cattedrali, piazze, abitazioni rustiche, ferrovie, montagne e laghi. Tutto rigorosamente ricostruito in scala 1:25. Il museo all’aperto di miniature più grande della Svizzera propone, su una superficie di 14 mila metri quadrati, 128 modellini e una fitta rete ferroviaria con 18 treni e oltre 3500 metri di binari.

PROMO

La visita


È davvero affascinante immergersi nel mondo in miniatura della storia ferroviaria svizzera: una rete di 3’560 m di ferrovie in miniatura si snoda attraverso il parco e 18 treni corrono sui binari. Si ammirano funicolari e funivie che salgono e scendono dalle montagne, battelli che solcano i laghi e le automobili correre rapide sull’autostrada; mentre all’aeroporto di Zurigo-Kloten gli aerei si preparano al decollo!

A Melide ci sono 128 modelli, nella rara scala 1:25, dei più famosi edifici, monumenti e mezzi di trasporto della Svizzera. Fra le miniature presenti, riprodotte fedelmente nei minimi dettagli, figurano il Castello di Rapperswil, il Castello di Chillon e i Castelli di Bellinzona, il Palazzo Federale di Berna e la Piazza Grande di Locarno.

Ogni anno, turisti provenienti da tutto il mondo visitano questo parco situato sulle rive del Ceresio (da Lugano lo si può comodamente raggiungere in battello o in treno) e circondato da montagne come il Monte Generoso, il San Salvatore e il San Giorgio (quest'ultimo dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Unesco).

“La nostra è un’azienda familiare, racconta il direttore Joël Vuigner. Fu un’idea di mio nonno Pierre, ispirata da Madurodam, un parco simile esistente in Olanda. Per decidere l’ubicazione del parco visitò tutta la Svizzera in cerca di luoghi adatti. Alla fine, l’attenzione cadde su Melide, anche per lo straordinario paesaggio tra lago e monti. All’inizio nel 1959 – prosegue Vuigner – c’erano 10-12 modelli e i visitatori erano soprattutto turisti italiani che entravano in Svizzera per fare acquisti. A poco a poco, l’offerta è aumentata e negli anni ’80 i modelli erano già un centinaio. Ora disponiamo di 128 miniature, una fitta rete ferroviaria, laghi, ponti, autostrade, funivie, funicolari. Un lavoro manuale di precisione, fedele all’originale e svolto con grande passione all’interno dei laboratori della Swissminiatur.

PROMO

Ristoranti nelle vicinanze


Per completare la giornata