Val Bavona

Escursioni

La Valle Bavona, che si dirama dalla Vallemaggia, è molto selvaggia. Ancora oggi è priva di corrente elettrica ed è abitata solo in estate. La magia della natura congiunta all’opera dell’uomo ha conferito pace e armonia a questa valle, una delle più belle del Ticino, con altissimi dirupi e i resti di frane colossali che la rendono anche una delle più ripide e sassose di tutto l’arco alpino. Un'incantevole passeggiata, che percorre i dodici insediamenti della valle passando per Foroglio con la sua splendida cascata, permette al visitatore di apprezzarne il grande fascino.

PROMO

Itinerario: Val Bavona (5h, vedi cartina)


Il percorso è affascinante non solo dal profilo naturalistico, ma anche per le testimonianze dell’intervento dell’uomo che ha saputo interpretare il territorio e convertire in alleati anche gli elementi naturali più ostili. Molto interessanti i cosiddetti "sprügh", cioè costruzioni sotto roccia, che hanno permesso di adattare la natura alle esigenze umane per creare rifugi, abitazioni e stalle. Sorprendente anche l’ingegnosità di trasformare la parte superiore di ingombranti macigni in piccoli orti al riparo dalla voracità delle capre.

L’itinerario che percorre tutta la Bavona può partire da Bignasco oppure da Cavergno. Lungo il percorso si incontrano diversi "sprügh" e si attraversano boschi di castagno, considerato in passato l’albero della vita perché fondamentale per la sussistenza. A Foroglio, il villaggio più conosciuto della valle per la sua spettacolare cascata, alcune case con ampio loggiato e diverse torbe si stringono attorno alla chiesetta, che presenta un interessante altare del XVI secolo. Qui si trova anche l’ottimo Grotto Froda gestito da Martino Giovanettina, un intellettuale valmaggese, che propone piatti tipici della gastronomia ticinese.

Curioso il nucleo di Sonlerto dove le abitazioni, per non sottrarre terreno al pascolo, sono state costruite tra i macigni di una frana preistorica. Il grazioso oratorio di Gannariente, con pregiati affreschi del XVI secolo, da tempi immemorabili è meta di una processione storica che si svolge la prima domenica di maggio. Giunti a San Carlo, l'ultimo paese della Valle Bavona, che è anche punto di partenza della funivia che sale a Robiei sotto il ghiacciaio del Basodino, si può rientrare a Bignasco o a Cavergno in autopostale.

PROMO


Per completare la giornata