Lucomagno

Escursioni

I mesi estivi invitano alla ricerca del fresco e dei paesaggi incontaminati della montagna. Chi ama i panorami delle Alpi, l’aria tersa e i grandi pascoli ma non può – o non vuole – percorrere sentieri troppo difficili o misurarsi con dislivelli eccessivamente impegnativi, trova nella regione del Lucomagno una meta ideale. Comodamente raggiungibile sia con i mezzi pubblici che con l'automobile, è percorsa da un’ampia rete di sentieri facili e ben segnalati che permettono di scoprire un paesaggio montano particolare e affascinante. L'escursione offre anche l’occasione di visitare la bellissima Valle di Blenio.

PROMO

Itinerario: Alla sorgente del Brenno (1h, vedi cartina)


Il percorso che abbiamo scelto porta alla sorgente del fiume Brenno. Raggiunto il passo a quota 1900 metri, il primo sguardo va alla grande scultura della Madonna con il Bambino in granito che spicca contro l’azzurro del cielo. È un’opera del 1956 di Giovanni Genucchi (1904-1979), nato a Bruxelles da genitori bleniesi là emigrati.

Una serie di cartelli aiuta l’escursionista: il giro scelto è contrassegnato dal numero 3.
Il primo tratto porta all’Alpe Croce, dove il sentiero attraversa ampi pascoli. Si incontrano poi bianchissime rocce calcaree che facevano parte del fondale di un antico mare, che 200 milioni di anni fa occupava la regione alpina. Si tratta di rocce particolarmente soggette a erosione: ne sono testimonianza le numerose cavità e spaccature ben visibili nel terreno.

Si raggiunge quindi la Foppa di Pertusio per poi scendere all'Alpe Gana attraversando il fiume Brenno, corso d’acqua in questo punto ancora estremamente tranquillo, e proseguire verso l’Alpe Pertusio. Situato a 1830 metri in una bella pianura, durante l’estate è adibito a pascolo per bovini e attorno alla stalla non è difficile incontrare anche alcuni rosei maialini! Il formaggio prodotto su questo alpeggio è molto ricercato. Alle spalle della cascina che ospita il piccolo caseificio, sotto la roccia si scopre la sorgente del fiume.

Dall’alpe si ritorna al punto di partenza, seguendo la segnaletica. Per l’intero percorso si calcolino circa due ore. Al termine della passeggiata si può visitare l’interessante Centro Pro Natura ad Acquacalda. Questa gita rappresenta anche un’ottima occasione per apprezzare la Valle di Blenio, bella e soleggiata. Consigliamo brevi soste nei villaggi e alle rovine del castello di Serravalle a Semione, costruito da nobili bleniesi per controllare la via del Lucomagno e distrutto nel 1402.

PROMO


Per completare la giornata