annuncio chiusura in italiano

Greina

Escursioni

Per chi ama gli scenari alpini e i grandi spazi della montagna, la regione della Greina costituisce una meta da non perdere. L’altopiano è situato a circa 2300 metri d'altezza, al confine tra Ticino (alta Valle di Blenio) e Grigioni e si estende per sei chilometri di lunghezza e uno di larghezza. Il paesaggio di tundra alpina è di grande impatto emotivo e figura fra quelli protetti a livello nazionale anche per la ricchezza e la varietà di biotopi. La Greina rappresenta un'escursione magnifica anche per chi non è avvezzo agli itinerari in quota. È comunque necessario un buon allenamento.

PROMO

Itinerario: Greina (5h, vedi cartina)


Ricca di acque che sgorgano dal suolo formando ruscelli, fiumi, stagni e piccole paludi, la regione della Greina è attraversata da sentieri antichi. Infatti, già in epoca romana e nel Medioevo era via di transito e zona di pascolo. Al centro dell'altopiano si trova un unico segno di un'antica presenza umana: Crap la Crusch (sasso della croce), un masso che reca una croce in ferro alla sua sommità. Nella stagione estiva, breve e intensa, l'altopiano regala splendide fioriture, grazie alla variegata flora alpina, e sono possibili anche incontri ravvicinati con marmotte ed altri animali tipici dell'arco alpico.

Il percorso più facile e comune è quello che raggiunge la Greina partendo da Campo Blenio-Ghirone, dove si prende il bus che porta fino a Pian Geirett a 2000 metri d'altezza. Da qui, in un’ora circa di salita, si raggiunge la capanna Scaletta dal tipico tetto a punta. Poco sopra, un vasto altopiano si apre davanti agli occhi del visitatore con i suoi immensi spazi, le rocce grigie o scure, i minuscoli fiorellini, i muschi e i licheni, i corsi d’acqua che serpeggiano tra i sassi. Per arrivare al passo della Greina occorrono ancora una trentina di minuti; dopo un’altra oretta di marcia ecco Crap la Crusch.

Una particolarità della regione è l’arco naturale in pietra che si può ammirare compiendo una deviazione dal sentiero principale. Da Crap la Crusch in una mezz'ora circa si raggiunge il piano di Motterascio, solcato da innumerevoli ruscelli, e poco sotto l'omonima capanna. Da qui, con una lunga e ripida discesa, si cammina fino alla diga del Luzzone, dove c'è la fermata del bus che riporta al punto di partenza a Campo Blenio (attenzione agli orari).

Nella regione ci sono tre capanne alpine (Scaletta, Motterascio, Terri) che offrono alloggio e ristoro. Prenotazione consigliata per il pernottamento.

Il bus Campo Blenio-Pian Geirett e Luzzone-Campo Blenio è in servizio da inizio luglio a fine settembre.

PROMO