Arrampicata sportiva

Avventura

Il Ticino vanta il record del maggior numero di siti per l’arrampicata su granito e gneiss nelle Alpi (circa 70 località), con un'ampia scelta tra vie di falesia e vie lunghe. Ticino terra d'arrampicata dunque, fra le più gettonate sull'intero arco alpino: dalla Vallemaggia all'Onsernone, dalla Valle Verzasca alla Leventina, dalla diga del Luzzone (Valle di Blenio) ai Denti della Vecchia (Luganese), tantissime le pareti, fra cui molte con una roccia di ottima qualità e perfettamente attrezzate. Completa l'offerta, il centro Evolution di Taverne, una moderna struttura per l’arrampicata indoor.

PROMO

Sulle pareti di granito e gneiss del Ticino, gli appassionati di arrampicata trovano pane per i loro denti: sono infatti circa 70 le località sparse sul territorio, dove praticare questo sport. Tantissime e variegate le pareti attrezzate, molte delle quali con un gran numero di fessure che invitano alla salita.

Locarnese: arrampicate con vista lago


I luoghi più rinomati per la pratica dell’arrampicata sportiva nei dintorni di Locarno sono sicuramente Arcegno e il Balladrum (sul Monte Verità di Ascona). Appena fuori dal nucleo di Arcegno fra boschi di castagno e piccoli stagni di interesse naturalistico, si trovano molte falesie ben attrezzate e con difficoltà per tutti i gusti: più di 100 monotiri su roccia molto ruvida. Dalla cima delle pareti il panorama spazia sulla natura lussureggiante, su Locarno e il delta del fiume Maggia.
Attenzione: qui gli ambienti naturali e i biotopi sono protetti! Si arrampica dalla primavera al tardo autunno.

Lungo la strada forestale che dal Monte Verità porta a Ronco sopra Ascona si trovano le due zone di arrampicata del Balladrum. Il settore inferiore comprende una decina di vie tecniche e mediamente difficili; quello superiore altrettante vie, ma facili e ideali per i principianti. La vista sul Lago Maggiore è a dir poco stupenda. Il luogo è molto solivo e caldo; per questo motivo le limpide giornate invernali sono le più idonee.


Arrampicare in Vallemaggia


La Vallemaggia. con il suo vasto territorio montano, offre bellissime e variate pareti naturali per l’arrampicata sportiva: all'imbocco della valle a Ponte Brolla, ad Avegno, Cevio, Someo, Brontallo (Valle Lavizzara), a Bosco Gurin oppure al Naret è possibile mettersi alla prova su vie di falesia o vie particolarmente lunghe.

Ponte Brolla è una meta classica per gli appassionati dell'arrampicata "plaisir". Un'area immersa nella natura selvaggia accanto alle suggestive gole del fiume Maggia e con un magnifico panorama sulla regione. Nella zona si trovano centinaia di vie perfettamente attrezzate e di tutte le difficoltà, molte delle quali ideali per i principianti.

Avegno in zona Torbeccio presenta tante vie facili e difficili, mentre le pareti alle spalle dei
grotti si caratterizzano per la lunghezza degli itinerari.

Someo e Cevio vantano falesie d’arrampicata sportiva per gli amanti dei gradi alti, mentre la selvaggia
Val Calnegia (Val Bavona) offre itinerari lunghi e difficili per chi preferisce l’arrampicata d’aderenza.

A monte del villaggio più alto del Ticino, Bosco Gurin, in una stupenda conca alpina a 2300 metri di quota esiste una vasta scelta d’itinerari di grande bellezza e tutti ottimamente attrezzati.
Le vie si sviluppano su compatto e rugoso gneiss d’aspetto granitico, contraddistinto da placche, fessure e muri verticali a tacche per ogni stile e difficoltà. Il periodo ideale per arrampicare sopra Bosco Gurin va da primavera inoltrata fino all'autunno. Trovandosi proprio a ridosso della cresta alpina la zona risente molto dell’influsso da nord, occorre dunque fare attenzione alla meteo.

Immediatamente sopra il paese di Brontallo (Valle Lavizzara), la magnifica e soleggiata parete di “El Cat” offre varie possibilità di arrampicate atletiche, tecniche e di resistenza su un buon gneiss molto lavorato, lungo una ventina di itinerari attrezzati.
Essendo esposta a sud sud-ovest questa parete si presta per arrampicate invernali, primaverili e autunnali. In inverno, è baciata dal sole dalle ore 10 alle 15. È invece sconsigliata l’arrampicata durante i mesi più caldi.
Sempre in Valle Lavizzara, un impressionante muro bianco striato, strapiombante, solcato da fessure svase e diedri caratterizza la falesia sovrastante il paese di Prato Sornico. Un luogo d'arrampicata esaltante e severo, in ombra la mattina e soleggiato il pomeriggio, con oltre 50 monotiri di difficoltà medio alta.
Al Naret ci sono diversi itinerari, ben attrezzati, ma di carattere alpino.


Pareti in Valle Onsernone


Appena sopra il villaggio di Russo è posta l’omonima falesia: un luogo incantevole, tranquillo e assolato anche nelle corte giornate invernali. Su questa parete sono stati attrezzati circa 40 tiri, per un’arrampicata dove non mancano verticali e impegnative fessure svase.
Le placche di Paleria, a Berzona offrono svariate vie d’arrampicata di più tiri con stile d’aderenza. Il settore inferiore è adatto per neofiti, quello superiore per arrampicatori più esperti.


Arrampicare sulle montagne verzaschesi


Oltre al bellissimo fiume dalle acque cristalline, la Valle Verzasca offre delle splendide zone per praticare l'arrampicata sportiva.
Sull'imponente e verticale parete sud di Eus, con i suoi oltre 300 metri di roccia veramente eccezionale e variata, sono tracciati una decina di itinerari di alto livello, tra i più belli del Ticino. Un luogo ideale per le mezze stagioni e, in assenza di neve, anche d’inverno.
La parete sud del Poncione d’Alnasca, isolata ed esposta, è probabilmente quella esteticamente più avvincente di tutto il Ticino. Su questa grandiosa piramide di 500 metri si trovano diversi itinerari in artificiale classico misto a libera e in artificiale moderno. Si tratta però di una parete adatta solo ad arrampicatori veramente esperti.


Itinerari d'arrampicata in Valle Bedretto e Leventina


Pizzo Prévat, Cristallina, Passo del San Gottardo, Piansecco, Chüebodenhorn, Poncione di Ruino, Passo di Maniò: sono solo alcuni degli affascinanti itinerari d'arrampicata della regione a ridosso del San Gottardo.
In Valle Bedretto, sul Poncione di Ruino e sul Poncione di Cassina Baggio sono state disegnate diverse interessanti vie di carattere alpino. La quota relativamente alta, l’esposizione favorevole e la varietà degli itinerari tracciati permettono di frequentare queste pareti in tutte le stagioni (perfino in inverno, percorrendo l’avvicinamento con gli sci, sono possibili piacevolissime ascensioni).
Esistono anche alcune interessanti falesie nelle vicinanze della Capanna Piansecco.
Al Passo di Maniò, infine, vi sono più di 30 “monotiri” di difficoltà medio alta ottimamente attrezzati e su una roccia di qualità eccezionale.

Altra montagna nota fra i "climbers" è il Pizzo Prévat in Valle Leventina: una torre slanciata ed elegante, che si alza sopra i pascoli dell'alpe Campolungo, attirando lo sguardo con la grazia e l'armonia delle sue forme. Sulle sue pareti sono attrezzate diverse vie di carattere alpino.
L'alpe Campolungo è facilmente raggiungibile con la teleferica che sale da Prato Leventina fino al lago Tremorgio, da dove si prosegue a piedi.

Diga del Luzzone


Questa imponente muraglia rappresenta una sfida particolare per tantissimi scalatori. Oltre 650 appigli artificiali sono stati installati sulla parete concava della diga per 165 m di pura verticalità, dove chi si arrampica deve raggiungere cinque piazzole di sosta e dove, in progressione, ogni lunghezza di corda è più impegnativa di quella precedente. Una parete unica e di grande effetto scenico!
Per salire sulla diga è necessario richiedere le chiavi di accesso, depositate presso il ristorante a fianco della stessa.

Denti della Vecchia


Situati nelle montagne che fanno da cornice al golfo luganese, i Denti della Vecchia rappresentano uno dei luoghi storici dell’arrampicata ticinese e generazioni di scalatori si sono succedute nell’esplorazione delle pareti, degli spigoli e degli strapiombi di queste piccole e molto suggestive "Dolomiti del Ticino". Agli amanti dell’arrampicata i Denti della Vecchia offrono la bellezza di oltre 120 vie di vario grado.
Il panorama che si gode da queste cime è eccezionale e abbraccia l'intera zona del Luganese, spaziando verso le vette della Vallemaggia, della Valle Verzasca e ancora più in là quelle delle Alpi vallesane.
Il principale punto d’appoggio per scalare sui Denti della Vecchia è la Capanna Pairolo, la quale è pure dotata di una parete d’arrampicata sul muro esterno. Materiale necessario disponibile sul posto.

Info: Capanna Pairolo - Tel. 091 944 11 56 - www.capannapairolo.ch

Centro di Arrampicata Evolution


Il Centro Evolution di Taverne rappresenta un punto di riferimento indoor per le discipline legate alla montagna e in particolare per l’arrampicata sportiva e il bouldering. Destinato a tutti gli appassionati, esso dispone di una struttura spaziosa e luminosa, con 1400 m2 di superficie arrampicabile, oltre 6000 prese d'arrampicata, decine di vie di free climbing e di passaggi boulder. Dotato dei più moderni standard di sicurezza europei e di personale altamente qualificato, il Centro offre numerosi e variegati i corsi offerti per appassionati di tutte le età. La struttura comprende un'area per la ristorazione e relax con vista sulle pareti di arrampicata, un negozio di sport e noleggio dell'attrezzatura.

Info: Centro di Arrampicata Evolution, Taverne - Tel 091 930 91 18 - info@evolutioncenter.ch - www.evolutioncenter.ch

PROMO